UP Umana Persone | “Tutti Matti per l’Arte”: “Le Vie della Carta” incontra “Lo Scoiattolo”
18194
single,single-post,postid-18194,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

“Tutti Matti per l’Arte”: “Le Vie della Carta” incontra “Lo Scoiattolo”

tutti matti per arte

10 Gen “Tutti Matti per l’Arte”: “Le Vie della Carta” incontra “Lo Scoiattolo”

Il laboratorio “Le Vie della Carta” di Pane e Rose e la legatoria “Lo Scoiattolo” del Gruppo cooperativo Il Quadrifoglio insieme per lo sviluppo del progetto “Tutti Matti per l’Arte”.

Gestito dalla cooperativa Pane e Rose, “Le Vie della Carta” è un laboratorio di legatoria e restauro della carta che si trova a Prato, avviato con alcuni ospiti della Comunità per il recupero delle dipendenze patologiche “Cerchio di Gesso” e che offre ormai da anni la possibilità di svolgere laboratori occupazionali per persone con svantaggio. Un’esperienza nata grazie alla competenza di Chiara Gori, socia della cooperativa e artigiana nel campo del restauro e della rilegatoria dei volumi.

Nel 2017 “Le Vie della Carta” ha incontrato la legatoria “Lo Scoiattolo”, gestita dal Gruppo cooperativo Il Quadrifoglio, che già da alcuni anni ha avviato sul territorio amiatino, con le stesse finalità, il progetto “Tutti Matti per l’Arte”.

Di qui la decisione di lavorare insieme ad uno sviluppo del progetto.

Le due cooperative hanno stipulato un contratto di collaborazione che ha permesso alla legatoria “Le Vie della Carta” di avviare la produzione della linea “Tutti Matti per l’Arte” a Prato, con l’obiettivo di aumentare la capacità di occupazione del laboratorio, ampliare la rete commerciale e sviluppare nuovi punti di distribuzione per i prodotti della linea.

Sketchbook, agende, rubriche telefoniche, quaderni, diari per la scuola e molti altri prodotti: i disegni utilizzati dalla linea “Tutti Matti per l’Arte” sono donati da artisti di livello nazionale e internazionale.

I prodotti, pur appartenendo ad un genere diffuso come quello della cartolibreria, nascono dall’unicità del lavoro di persone provenienti da situazioni di disagio e svantaggio sociale, coordinati da operatori sociali artigiani.