UP Umana Persone | Progetto 5 | “Tra le potenzialità da esplorare, anche il supporto a distanza di tipo psicologico”
18306
single,single-post,postid-18306,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Progetto 5 | “Tra le potenzialità da esplorare, anche il supporto a distanza di tipo psicologico”

coppia anziani

11 Mar Progetto 5 | “Tra le potenzialità da esplorare, anche il supporto a distanza di tipo psicologico”

“In un’attivazione ho avuto un ritorno molto positivo: in effetti il bisogno c’è, specialmente nei casi in cui la persona anziana trascorre tante ore da sola al proprio domicilio e un servizio di questo tipo è qualcosa che va oltre il telesoccorso”. Stylianos Magklaras è un case manager della cooperativa Progetto 5, che quando lo intervistiamo ci parla anche di una nuova possibile attivazione all’orizzonte.

Secondo il case manager dalla prima sperimentazione emergono alcuni margini di miglioramento per lo strumento, sia dal punto di vista della connessione, sia rispetto a un possibile potenziamento dell’interfaccia (ad esempio ingrandire alcuni tasti), oltre che l’esigenza di una “educazione” al touch screen per l’anziano. In questo frangente, racconta Magklaras, la famiglia dell’anziano ha rappresentato un supporto, consentendo al case manager di risolvere alcuni problemi semplicemente attraverso un contatto telefonico e senza doversi quindi recarsi fisicamente sul posto. L’anziana stessa era molto incuriosita nel buttarsi in questa nuova esperienza.

A partire dall’esperienza, Magklaras lancia anche possibili idee e proposte di sviluppo: “Le novità fanno da stimolo – sottolinea il case manager -. Penso ad esempio alla possibilità di attivare, a partire dal progetto, altre figure professionali come lo psicologo e alla possibilità di utilizzare uno strumento come il tablet per un supporto a distanza di tipo psicologico”. Inoltre, conclude Magklaras, “la tecnologia potrebbe essere anche un modo per contattare non solo l’anziano stesso, ma anche l’assistente familiare”.