UP Umana Persone | Progetto 5/ “Il Club degli amici” per costruire una rete sociale
18197
single,single-post,postid-18197,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Progetto 5/ “Il Club degli amici” per costruire una rete sociale

10 Gen Progetto 5/ “Il Club degli amici” per costruire una rete sociale

Un’esperienza innovativa per il “durante noi“. È quella avviata dalla cooperativa Progetto 5 che gestisce “Il Club degli amici” un luogo di incontro che fa da “punto di appoggio” per quattro giovani con disabilità cognitiva (intorno ai 25 anni, 3 maschi e una femmina): uno spazio polivalente da cui partono percorsi di sviluppo dell’autonomia, di orientamento e di attivazione della rete sociale.

“Il Comitato Vita indipendente onlus, ovvero l’associazione che riunisce un gruppo di famiglie con figli adulti disabili – spiega Francesco Zarro, responsabile Innovazione Sociale per la cooperativa Progetto 5 – ci ha affidato ad Arezzo la gestione di questo spazio. L’elemento distintivo del progetto è rappresentato dall’attivazione di processi sociali sul territorio”.

La cooperativa mette a disposizione ogni sabato un educatore per 7 ore. Un venerdì al mese viene fatta un’uscita, ad esempio si va a mangiare fuori insieme.
Oltre a svolgere una funzione di supporto e assistenza, di vigilanza e controllo, l’operatore fa da catalizzatore per la costruzione di una rete sociale, con riferimento in particolare quindi alla gestione del tempo libero e alle abilità sociali ed emotive. Un’esperienza che sta dando buoni risultati e che, conclude Zarro, “ci piacerebbe poter replicare sul territorio”.