UP Umana Persone | Minerva | “Un modo per avvicinarsi a un mondo che cambia”
18299
single,single-post,postid-18299,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Minerva | “Un modo per avvicinarsi a un mondo che cambia”

donna2

11 Mar Minerva | “Un modo per avvicinarsi a un mondo che cambia”

Assistente sociale e case manager, Sara Pini (cooperativa Minerva) ci ha raccontato le prime impressioni sull’attivazione avviata nell’ambito del progetto sperimentazione di teleassistenza di Pronto Badante. La sperimentazione ha per protagonista un anziano che vive solo, con dei vicini anche di giovane età che lo aiutano, e con una buona dose di autonomia. Durerà fino alla metà di marzo. “Questa situazione mi è sembrata adatta – spiega Pini – perché ho coinvolto una persona che nonostante l’età ha abbastanza dimestichezza con le tecnologie, mentre in altre circostanze ho osservato che le persone si spaventano o comunque sono scettiche”.

“L’interfaccia è semplice” dice la case manager di Minerva, per la quale non sono comunque mancati gli aspetti da “rodare”, anche perché l’anziano seguito trascorreva una buona parte del tempo fuori casa ed è quindi capitato che non fosse presente al momento concordato per la videochiamata.

In merito alle novità che l’innovazione tecnologica potrebbe portare nel lavoro quotidiano di assistenza “noi operatori siamo abbastanza abituati alla presenza delle nuove tecnologie sia nella vita sia nel lavoro – osserva Pini – mentre per la persona anziana si tratta di una novità non da poco. Al tempo stesso è un modo per chi ha qualche anno in più di avvicinarsi a un mondo che cambia”.