UP Umana Persone | La rilevazione interna alle cooperative della rete
18049
single,single-post,postid-18049,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

La rilevazione interna alle cooperative della rete

checklist

16 Ott La rilevazione interna alle cooperative della rete

UP ha condotto negli scorsi mesi una prima rilevazione interna, intervistando 6 delle cooperative socie sull’andamento della vendita privata.
Lo scopo è quello di strutturare un sistema di monitoraggio che permetta di raccogliere in modo sistematico dati e informazioni utili rispetto ai servizi più o meno richiesti dalle famiglie e alla composizione del mercato dal punto di vista dei concorrenti.

Il fatturato aggregato 2017 per la vendita privata, in questo campione sfiora i 240mila euro, mentre nel 2016 si era avvicinato a 150mila euro. Al 31 agosto 2018 il fatturato era pari a 154.589 euro. Se si guarda alla progressione di fatturato per le singole cooperative, si può osservare che tale incremento si colloca tra il 40 e il 100 per cento di incremento annuo.

L’indagine ha consentito anche di ricostruire quali sono le tipologie di servizi maggiormente richiesti, spesso congiuntamente: l’aiuto nella somministrazione di pasti; l’aiuto all’igiene personale e aiuto domestico; l’alzata e messa a letto; la vestizione-svestizione; il bagno assistito.

Ha altresì permesso di focalizzare i servizi su cui si rilevano le maggiori criticità, al fine di offrire indicazioni utili per una eventuale riorganizzazione nell’offerta. Scarsa è stata la richiesta di attivazione di servizi infermieristici fisioterapici, come, seppur di minore intensità, quella dei servizi per bambini-minori e giovani (pacchetto servizi specialistici). Non è stata rilevata alcuna attivazione di servizi rientranti nel pacchetto per famiglie e persone – italiani, comunitari ed extracomunitari.

La rilevazione ha permesso anche di delineare un elenco dei principali competitor percepiti che risultano essere:
• P.A. – Misericordie (per tutte le tipologie di servizi)
• Associazioni di professionisti (per i servizi fisioterapici ed infermieristici)
• Altre cooperative sociali (per tutte le tipologie di servizi)
• Associazioni sportive e religiose (per servizi rivolti a minori e giovani)
• Agenzie private badanti (per assistenza domiciliare)
• Operatori privati (per assistenza domiciliare e babysitting)