UP Umana Persone | I temi/4 Orientamento (e tutoraggio) come possibile valore aggiunto nell’offerta
18069
single,single-post,postid-18069,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

I temi/4 Orientamento (e tutoraggio) come possibile valore aggiunto nell’offerta

punti interrogativi 2

16 Ott I temi/4 Orientamento (e tutoraggio) come possibile valore aggiunto nell’offerta

Partendo dall’indagine Ipsos è da rilevare la domanda di orientamento e di informazione. In altri termini bisogna passare dal vendere “prestazioni” a vendere “servizi”. Ad esempio, per rafforzare il fatto che le coop siano riconoscibili e individualizzabili nel territorio, bisogna fare marketing individualizzato. Fidelizzare una famiglia significa fidelizzarla nell’arco dei cicli della vita: diventare “partner” di una famiglia. Sappiamo tutto nei nostri competitor nel mercato privato? Chi gestisce il mercato delle badanti?
L’orientamento è qualcosa che talvolta viene dato troppo per scontato, invece si tratta di un know how molto importante, di una tematica interdisciplinare in grado di innescare processi virtuosi.
Inoltre il fatto che nell’ambito di UP ci possa essere un sistema di informazioni (tecniche, giuridiche, amministrative) è un supporto al case manager stesso nel momento in cui si trova a formulare la proposta.
È altresì necessario dare risposte nell’immediato, informazioni a 360 gradi, affinché le cooperative siano un punto di riferimento iniziale quando emergono questo tipo di esigenze.
Infine, il modello sperimentato con Pronto Badante, se applicato correttamente, risulta vincente anche per quanto riguarda l’esperienza del tutoraggio, coprendo così la finestra tra l’emissione bisogno e l’individuazione della/del badante, accanto a un lavoro di formazione on the job sia per la badante che per famiglie.