UP Umana Persone | Gruppo cooperativo Il Quadrifoglio | “Crescono gli affidamenti in global service”
18324
single,single-post,postid-18324,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Gruppo cooperativo Il Quadrifoglio | “Crescono gli affidamenti in global service”

global service

21 Mag Gruppo cooperativo Il Quadrifoglio | “Crescono gli affidamenti in global service”

Cosa sta cambiando nel mercato delle gare e degli appalti? Secondo Francesco Monaci, responsabile Gestione Qualità del Gruppo Cooperativo Il Quadrifoglio, che collabora anche con l’Ufficio Gare e progettazione della cooperativa “tra le tendenze che stanno emergendo c’è il ricorso, che osserviamo soprattutto da parte delle Asl, a gare di appalto per affidamenti in global service, in cui alla cooperativa sociale che si aggiudica il bando viene richiesta cioè una gestione completa della struttura e non soltanto del servizio alla persona. Si tratta di una tendenza che in base a quanto riscontriamo si sta diffondendo anche per case famiglie per minori o centri diurni”. In questi casi tutti gli aspetti che attengono alla gestione della struttura (che resta di proprietà pubblica) sono posti a carico della cooperativa che vince la gara: dal pagamento delle bollette all’assicurazione dei mezzi, alle manutenzioni degli impianti o degli ascensori, solo per citare alcuni esempi.

“Da un lato il fatto di doversi fare carico direttamente di una serie di adempimenti consente alla cooperativa di controllare e gestire autonomamente il rispetto di tempistiche e scadenze – afferma Monaci – dall’altro comporta però spesso il dover fare degli interventi su immobili che non versano in buone condizioni. Molto spesso inoltre queste gare finiscono “sopra soglia” e di conseguenza si devono fare necessariamente delle procedure aperte, che diventano ‘appetibili’ per grosse cooperative provenienti da fuori regione, con il rischio che la presenza di una cooperativa sul territorio non sia sufficientemente valorizzata”.

Un altro trend è il ricorso crescente allo strumento della concessione: “Nella concessione – spiega Monaci – nel caso di nuovi servizi il rischio d’impresa ricade interamente sulla cooperativa”.